mercoledì 19 settembre 2012

Philosophia

.

Succede.
Succede che qui sul Poggio non piova da 3 mesi.
Gli indigeni affermano che al Poggio sia stata fatta una malia, per cui la pioggia gira sempre attorno: vedi che piove là a 300 metri ma sul Poggio, un secco come nel Sahara.

Succede che finalmente oggi si sia rotto l'incantesimo, e che verso mezzogiorno e qualcosa il cielo abbia deciso di concedere tutto assieme quanto ci aveva negato per mesi.

Incidentalmente io, dopo altrettanti mesi, avevo appuntamento dal parrucchiere ma tant'è, di fronte alla campagna assetata non posso che gioire, nonostante.

E quindi sotto la pioggia scrosciante mi avvio verso l'auto per una giornata fittissima di impegni: prendere Claudia a scuola, un boccone veloce, parrucchiere, spese varie, Matriarca da portare dall'oculista, varie et eventuali.
Oppsss! ... avevo lasciato i  vetri aperti!, i sedili sono un tantinello zuppi ma pazienza.

Ma l'alzacristalli non dà segni di vita, e nemmeno il motore quando giro la chiave dell'accensione.

Panico.

Sono sul Poggio.
Macchina morta.
Diluvia.
Marito lontano 200 kilometri.
Tra 9 minuti esatti Claudia esce da scuola.
Non ha nè un ombrello e nemmeno una giacca; in compenso ha un gran mal di gola.

In un rigurgito di ottimismo tento una messa in moto Al Salto: approfittando dell'esiguissima pendenza e dei 5 metri a disposizione, provo a spingere l'auto (sempre sotto lo tsunami) e di saltarci su al volo, mettendo la seconda etc etc.
Ottengo solo di avere l'auto non più sul vialetto ma precisa in mezzo al prato.

Il panico diventa isteria, mi invento qualche imprecazione creativa.

Inizio a cercare i cavi per la batteria, poi una macchina la troverò.
Non i Vecchi Cavi per la batteria: quelli sono defunti in Francia, lo scorso anno.
I nuovi, che Il Marito giura di aver acquistato ma la cui collocazione è oggetto del Quarto Segreto di Fatima.

Li cerco in macchina, fin nei più reconditi anfratti di cui la Scénic è dotata.
Li cerco in garage, che essendo un garage improprio, un laboratorio creativo ed il ricettacolo di ogni schifezza e di ogni lavoro in corso, è  incasinato fino all'impraticabilità.
Niente cavi.
Sotto il diluvio li mendico dai vicini: chi c'è non li possiede, e chi li possiede non c'è.
L'angoscia sale, ormai Claudia sta uscendo di scuola, abbandonata a se stessa, nella tempesta...
Fortunatamente la ragazza ha preso la buona abitudine di portare con se il cellulare, e persino di tenerlo acceso e carico!
Riesco quindi a stopparla prima che lasci la scuola e le dico di non muoversi di lì, di stare al coperto e di attendere istruzioni.

La rabbia tracima: IO ho organizzato la giornata con precisione scientifica, ed IO non posso perdere il controllo sul tempo, sugli eventi, sulla stramaledettissima auto!

Telefono all'Amica-Vicina-Mamma a Casa.
Ha scelto proprio oggi per tornare al lavoro, è a Firenze e non può essermi di nessun aiuto.
Telefono all'Amica-Vicina-Lavoratrice.
La Santa Donna molla l'ufficio, va a prendere la ragazza, me la porta fino a casa e ritorna al lavoro!
Con delle Amiche così....

Sapendo Claudia oramai 'in salvo', mi permetto di fermarmi un attimo e di entrare in modalità ZEN.
Perchè incollerirsi?
Perchè sono bagnata fradicia? Non posso uscire di casa, ho tutto il tempo di asciugarmi.
Perchè non posso andare dal parrucchiere? Soldi sprecati, con questo tempo.
Perche non posso portare mia madre dall'oculista? Ci sono i taxi, e la badante per accompagnarcela.
Perchè l'auto è e resta comunque morta e prima o poi nella vita potrebbe servirmi ancora? Ci sono gli elettrauto per questo...

Telefono al parrucchiere e disdico gli appuntamenti con tante scuse.
Telefono alla Matriarca, anche a lei molte scuse.
Telefono al meccanico, nel pomeriggio giungeranno i soccorsi.

Ed in ciò Claudia arriva tutta allegra a casa, con una delle sue idee sensazionali: buffet cinese da mangiarsi a letto guardando un film!
Reprimo l'ovvio rifiuto materno, ma poi, perchè no?

In pochi minuti 3 buste di orientali schifezze disidratate son diventate altrettante discutibilissime leccornie, e noi siamo infilate nel lettone con davanti un tris di primi, guardando un filmino scemo, in pace col mondo.

Scende la pioggia, ma che fa...




Aggiornamento: l'auto è ripartita, non grazie al meccanico ma al marito dell'amica che  mi aveva recuperato Claudia: Santi Subito!!

.

37 commenti:

  1. Il bicchiere può essere mezzo vuoto o mezzo pieno. E' solo una questione di prospettiva. E di saggezza.

    RispondiElimina
  2. Dani cara, ti compro un bel cornetto rosso e te lo invio!
    Cavoli, ma pace la macchina, la matriarca, ma mi vuoi andare in giro tutta scavezzata...domani telefoni subito alla parucchiera...
    Insomma Claudia, dillo anche tu a mamma che, mica può sembrare uscita da un frullatore!!
    Dani, che figura gli fai fare,a questa bella figliola, quando finalmente macchina partita, domani andrai a prenderla a scuola?!
    E poi quando organizzi qualche cosa, non farlo il 18, che mi sa sia un giorno no peggio del 17!
    EHEEHHHH! però quanto mi sono divertita io a leggere del tuo accaduto, leggevo e mi vedevo la scena!
    BAcioni DAni valeria

    RispondiElimina
  3. Il quarto segreto di Fatima!! Dani ma quanto mi hai fatta ridere! Grazie grazie per sapere essere così leggera (anche quando magari è difficile!).
    Grande talento.
    Silvia

    RispondiElimina
  4. Al tuo posto io avrei tirato fuori una serie di imprecazioni da far impallidire santi e compagnia...detesto guidare, detesto le macchine e affini.
    Bellissima l'idea della tata, me la segno, che non si sa mai :-)

    Bacione e buona serata, Patty

    RispondiElimina
  5. Dani sei fantastica!!!!Sei proprio un ottimo antidoto contro la tristezza!!!!Una giornata che sembrava proprio nera si e' conclusa con un bell'arcobaleno!!!Un bacione Micol

    RispondiElimina
  6. Ah ah ah ah ah ah! Dai su, poteva succederti di peggio dai.....noooooo....già ti vedo con una pala in mano.....GIURO.....stavo scherzandoooooo! In questo momento invidio (in senso buono) il fatto che sei sul lettone con la tua figliola, a trangugiare schifezze e a guardare un film scemetto. Mio figlio ha fra pochi minutiha una partita di Coppa Italia, piove e fa freschetto e io sono rimasta a casa da sola, con un mollettone in testa, un vestito molto shabby e per niente chic, struccata, con un mal di schiena che sono piegata e una voglia folle di fiondarmi sul barattolo di Nutella divorarla mettendoci dentro le dita e ciucciarmele fino ai gomiti! Mi aspetta una seratine di quelle "perchè non sono in un bel centro benessere a farmi tirare tutte le rughe, peli compresi?". Ma se rinasco........Un abbraccio. Paola

    RispondiElimina
  7. Secondo me tutta la faccenda è andata a buon fine grazie alle imprecazioni creative. Devo assolutamente imparare anch'io!

    RispondiElimina
  8. E che mi ci va a fare la Salvia dal peluquero?
    A sfogliarmi le riviste di gossip, sperando di vedere Kate e dire "io ce ne ho di piùùùùùùùù!!!" ?
    O a fare public relations, perchè il paesello è piccolo e non bisogna far mormorar?
    O più semplicemente, come me, va a farsi la tinta, perchè meglio tinta che tonta?
    Questo rimarrà il 5° di segreto di Fatima :-) !
    I like chinese food...prima o poi, con te, o panzanella o raviolone al vapore!
    Bonne nuit, e se ti fischiano le orecchie, sono gli accidenti che ti sta mandando la peluquera, per averle lasciato l'ora buca ;-))) !!!
    elenita

    RispondiElimina
  9. Questi per me non sono giorni da blog...un sacco di problemi e morale a terra ma per fortuna ho acceso il computer e sono approdata quà!
    Mi hai tirato su di morale..."Vogliamo la Salvia Santa Subito"!!!!
    Un abbraccione
    Anna

    RispondiElimina
  10. i propri mariti si sa: quando non sono solo inutili sono persino dannosi. con delle amiche cosi' potresti trovarti anche in mezzo al deserto e la Provvidenza ti arriverebbe lo stesso, con dei mariti delle amiche cosi' poi sei in una botte di ferro.
    con un pranzo cinese cosi' poi, la pioggia e' strafighissima.

    RispondiElimina
  11. Cosa darei per vedere dal vivo la scena di te che sali al volo sulla macchina in discesa!!!!!!! Che ridere Dani. Mi mancavano i tuoi racconti!!!!
    Un baciotto
    Erica

    RispondiElimina
  12. Mi hai fatto venir voglia di altra pioggia! :)
    Stupenda!!!

    RispondiElimina
  13. ...... e sei solo all'inizio della settimana.....ahahahahahahah

    RispondiElimina
  14. Fantastica soluzione al problema!! Brava Claudia per la proprosta... meglio di così non potava andare!! L'importante è vedere sempre il lato positivo delle cose... ;o))
    La nostra macchina ha pensato bene di lasciarci senza speranza quest'estate... primo giorno di vacanze... appena partiti... con traghetto da prendere...;o((
    Rischio... saltare le vacanze e perdere un sacco di soldi della prenotazione... ma alla fine, dopo una fantastica esperienza trasportati da carro attrezzi, siamo riusciti a farci le nostre vacanze in 5 compressi in una Polo prestata, ridendo e scherzando e ora... abbiamo l'ardua scelta di una macchina nuova ;o))
    Tutto finisce sempre per il meglio...!!
    Un super abbraccio

    RispondiElimina
  15. Rido, sei troppo forte e scrivi meravigliosamente. Non ti vorrei augurare altre giornate così, ma se ti capitassero e volessi parlarcene, ne sarei certamente contenta!

    Un caro saluto

    Viviana

    RispondiElimina
  16. Sei forte, Dani!!Era come vedere la scena...impagabile!! E Claudia è la tua degnissima figlia:sempre il lato bello delle cose, anche le peggiori, un sorriso e si riparte! Bravissime! Un abbraccio forte a tutte e due!

    RispondiElimina
  17. "Scende la pioggia ma che fa" l'hai scritta tu vero?

    RispondiElimina
  18. Mi par di vederti..che salti in groppa alla macchina come una cavallerizza del circo Orfei...che cerchi i cavetti lanciando fuori dl garage tutto quanto non sia "i cavetti"...che imprechi in otto lingue diverse coniando nuovi ed efficaci malefici contro la pioggia...
    Ma,come in ogni favola che si rispetti,arriva il lieto fine..così le due eroine(una delle quali con un improbabile acconciatura)finiscono sane e salve a mangiare cavallette fritte disidratate...ma dove fai la spesa?
    Grande Dani....!!!!
    Boz

    RispondiElimina
  19. bè, complimenti x esserne uscita senza diventare isterica. io non avrei retto a tutta questa serie di eventi casualmente capitati tutti insieme solo sulla mia persona
    sarei diventata isterica, probabilmente mi sarei dimenticata qualcosa (figlia/parrucchiere/mamma) e alla fine mi sarei pure messa a urlare (contro chi, non so)
    complimenti di nuovo x essere riuscita a risolvere tutto.
    marta
    p.s. ma come si fa a mangiare cinese? ecco, questo non lo avrei mai fatto. non avevi la possibilità di fare un bel panino con il salame (molto + sano?)

    RispondiElimina
  20. Tutto è bene quel che finisce bene, mia cara!

    RispondiElimina
  21. Ahahaha! Vedo che non sono l'unica alla quale succedono queste cose! Da film!!!

    RispondiElimina
  22. Che ridere! Scusa...volevo dire...che ironia che hai! Hai un gran talento nella scrittura! E...santa acqua, santi l'amica e il marito e santa la tua serata nel lettone con la tua bambina a vedere il film stupido con leccornie cinesi!! ;)

    RispondiElimina
  23. Fantastico post come sempre. Mi sto ancora rotolando per terra dal ridere: il quarto segreto di Fatima...

    RispondiElimina
  24. Regola numero 1: Quando piove disdire a priori l'appuntamento dal parrucchiere, tanto i boccoli non terrebbero, figuriamoci il tentativo di tener dritti e lisci i ricci... Tse!
    Regola numero 2: non tentare MAI di cercare qualcosa che ha comprato il marito, è sicuramente stata messa bene a posto, in ordine perfetto, per cui noi creative abituate ad abbandonare roba a destra e sinistra e a cercare sotto cumuli di materiale vario e variopinto, non riusciremo a scovarla nemmeno col metal detector...
    Regola numero tre: ricordarsi che è pericolosissimo tentare di spingere l'auto in panne, si rischia di farla precipitare giu' per colline e/o dirupi e sicuramente si puo' riportare trauma dorso-lombare con complicazioni cervicali dovute all'umidità...
    Regola numero 4: tenere sempre a portata di mano listona con numeri di amiche/parenti/mamme/prozie/bidelle/ o qulsiasi altro essere umano in grado di riacciuffare la figlia in qualsiasi punto della città si trovi!
    Regola numero 5: lettone + menu cinese schifosissimo, ma succulento + filmone di infima levatura, ma perfetto per giornata di pioggia e di calo palpebra = a ottimo rimedio all'ansia e scusa perfetta per stare vicine-vicine godendosi coccole e biscottini della fortuna!

    Un bacione di comprensione, mia Salvia sempre verdissima!

    RispondiElimina
  25. Salvietta....sei la migliore!!!!! Dovrei imparare un po' di arte zen anche io!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. dani sei unica, per come racconti, per come ironizzi, per come reagisci umanamente e meravigliosamente agli accidenti!
    Lettone al calduccio con schifezze cinesi condivise con la figlia mi sembra una bellissima coccola dopo l'acquata e il turbinio della prima parte della mattinata!

    RispondiElimina
  27. Ah Ah Ah :)Non riesco a smettere di ridere! :):):)

    RispondiElimina
  28. :-D si... questi cavi sono proprio introvabili... è dalla ficata che li cercate... e Michele (si chiamava Michele?) da Pordenone ancora mi manda le mail di ringraziamento per avergli prestato i nostri!!!
    non hai idea quanto ti invio la giornata nel lettone a cazzeggiare!!! se lo propongo a tommaso mi ci seppellisce, sotto le coperte del lettone...

    RispondiElimina
  29. Donna, ti amo, vorrei che la mia vicina non propriamente empatica magicamente sparisse e che al suo posto comparissi tu, ti accoglierei porgendoti i cavi per la batteria come pegno di eterna amicizia e mi ingrazierei la Salvietta con un luculliano pasto orientale. Grazie per questi ilari momenti. Eli

    RispondiElimina
  30. Manco Stanlio e Olio mi avrebbero fatto ridere così come me lo hai fatto fare tu con il tuo racconto...
    Non posso credere che una impeccabile regina come te possa avere a che fare con cavi, Fatima, garage, tutti i Santi e per di più tutta sdruffata!
    Sei unica
    Tamy

    RispondiElimina
  31. hihihihihihihi !
    Una curiosità. Ma se trovavi i cavi a cosa li attaccavi ? Da un capo alla batteria della Scènic e all'altro capo ?

    RispondiElimina
  32. Dani,era tanto che non ridevo cosi' , ho le finestre aperte e spero che nessuno abbia chiamato la psischiatria sentendomi sganasciare sguaiatamnete dalle risate. Sei unica, sarei curiosa di sentire le tue originali imprecazioni... e tua figlia poi che è riuscita a tirare fuori il meglio da una giornata del genere. Mi sembra di averti già suggerito che dovresti scrivere un libro tanto sei brava
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  33. Alla fine si e' trasformata in una bellissima giornata.....che cosa c'e di più bello che mangiare schifezze nel lettone con la propria figlia di fronte a un film? come una scena di "una mamma per amica" . Un bacione Dany

    RispondiElimina
  34. santi subito sì, ma non la salviuzza: lo sai che con un'incazzatura in più e tre cineserie in meno avresti evitato un sacco di calorie???
    (...scherzo, tutta invidia la mia che di zen non ho proprio nulla, manco uno schifo di scheletro di bonsai a casa)
    kiss kiss

    RispondiElimina
  35. :D...... fantastica come sempre........ smauck

    RispondiElimina
  36. ciao Dani, come stai?
    Sai che forse il cornetto rosso serve pure a me?!
    Se trovi una porzione magica per la "sfiga" mi serve urgentemente!!
    ti mando un mega bacione Valeria

    RispondiElimina

Ermetici o lunghissimi, adoro i vostri commenti e cerco di rispondere a tutti!

Related Posts with Thumbnails